Statue e monumenti a Bazzano

La Bagnante detta “La Giuditta”
Opera in bronzo dello scultore savignanese Giuseppe Graziosi, la statua della “Bagnante”, ribattezzata dai bazzanesi “Giuditta”, fu posta al centro della fontana commissionata all’artista nel 1914 a completamento della sistemazione della piazza. Le polemiche suscitate dalla nudità della statua portarono pochi anni dopo alla sua rimozione. Solo nel 1989 la statua fu ricollocata all’esterno del municipio, in cui era stata tenuta per tutto quel tempo. 

 

Il Fante
Statua in bronzo commissionata nel 1922 allo scultore savignanese Giuseppe Graziosi per
commemorare i Caduti della Prima guerra mondiale. La statua, che raffigura un fante nell’atto
di ringuainare la baionetta, mentre calpesta un giogo spezzato, evoca l’oppressione nemica
schiacciata dai soldati italiani.


Busti di Andrea Costa e di Giuseppe Garibaldi
Nei giardinetti antistanti la scuola elementare sono presenti due busti, realizzati nel 1914 dallo scultore Tullio Golfarelli, che rappresentano rispettivamente Andrea Costa e Giuseppe Garibaldi. Queste due opere furono realizzate col contributo di enti pubblici e privati e di numerosi bazzanesi.

[Si ringrazia per l’aiuto nel reperire le informazioni la Dott.ssa Aurelia Casagrande]

  • Visite: 42

Scarica
la mappa dei luoghi
in formato pdf

© Rete Proloco Reno Lavino Samoggia
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Strumenti